Benvenuto nel sito dedicato ad aiutare i toscani all'estero a preservare la loro lingua, cultura e le loro tradizioni. 

Qui di seguito troverai risorse scaricabile on-line utili per conoscere meglio il paese degli Etruschi, Matilde di Canossa, Fibonacci, Savonarola, Galilei, Pietro Leopoldo, Giuseppe Giusti, Gino Capponi, Pinocchio, i Macchiaioli, Padre Balducci e tanti altri che hanno dato tanto al loro paese, all´Italia, all´Europa e al mondo intero!

Aderisci anche tu, tramite il modulo sul siti "Toscana Nostra"!

Per il comitato promotore, 

Maurizio Tani ( maurizio [at] hi.is / tel. 003546967027 )

 

Risorse da scaricare

Lingua   Storia    Arte     Tradizioni

  

Srivono di noi

2010/01/11 - L´appello UTE viene pubblicato su AISE (AGENZIA INTERNAZIONALE STAMPA ESTERO):  

PARTE DA REYKJAVIK UN APPELLO PER LA CREAZIONE DI UN’ASSOCIAZIONE DEI TOSCANI ALL’ESTERO CHE VIVONO ISOLATI O IN PICCOLE COMUNITÀ Lunedì 11 Gennaio 2010 18:11 REYKJAVIK\ aise\ - "Partendo dalla constatazione che molti (forse la stragrande maggioranza) dei toscani residenti all’estero vivono raramente in grosse comunità di connazionali e che spesso si muovono da un posto all’altro per lavoro o altri motivi, è nata l’idea di creare un’associazione culturale di volontariato senza fini di lucro che riunisca tutti quei Toscani che vivono appunto isolati o in piccole comunità di connazionali". A lanciare l’appello per la costituzione di un’associazione toscana che riunisca i corregionali che vivono isolati o in piccole comunità è Maurizio Tani che da Reykjavik spiega quali sarebbero gli obiettivi del nuovo sodalizio.
"Gli scopi dell’associazione – chiarisce, infatti, Tani, membro del Comitato promotore dell’iniziativa – dovranno essere vari e coerenti con tale premessa: creare una rete di collegamento tra Toscani residenti all’estero, rivolta soprattutto a quelli che vivono isolati o in piccole comunità, per lo scambio di informazioni, esperienze e dati utili a migliorare la loro esistenza e attività professionale; aiutare i Toscani residenti all’estero nel conservare la loro lingua, cultura e le loro tradizioni, nel rispetto delle varietà che compongono da sempre i territori della Toscana odierna e di quella storica (intesa quindi anche come continuazione dell’Etruria classica e della Tuscia alto-medievale); promuovere nei Toscani all’estero l’orgoglio della propria patria nell’ambito di una più generale promozione dell’amicizia tra tutti i popoli della terra e del rispetto di tutte le lingue, culture, religioni e tradizioni che siano a loro volta rispettose dei principi di tolleranza, democrazia, giustizia, uguaglianza, partecipazione, responsabilizzazione, autonomia, rispetto dell’ambiente e dei beni culturali; promuovere la conoscenza del patrimonio ambientale, umano e culturale della Toscana nel mondo; svolgere attività di solidarietà e mutuo aiuto tra Toscani, sia all’estero che in patria".
Per raggiungere tali scopi, spiega ancora Tani, "l’associazione - che per il momento si intende chiamare "Unione dei Toscani all’Estero" (abbreviato UTE) – si darà un’organizzazione democratica, in cui le decisioni saranno prese dall’assemblea dei membri, da riunire prevalentemente in forma telematica usando però modalità che non escludano nessuno. Per portare a termine le iniziative decise a maggioranza dall’assemblea dei soci sarà votato un consiglio organizzativo, con finalità di amministrazione, e un portavoce, con legale rappresentanza".
In attesa delle prime adesioni ed in vista della prima assemblea di fondazione, i promotori si sono impegnati a contattare le associazioni di Toscani e di Italiani già esistenti e a pubblicizzare l’iniziativa. Toccherà all’assemblea di fondazione dell’associazione decidere, in base alle forze disponibili, quali iniziative di carattere culturale, ricreativo, assistenziale ed informativo intraprendere.
"Tutti coloro che sono interessati al progetto – conclude Tani – sono invitati a visitare il sito http://www.baab.it/ute/ ed inviare la loro adesione al seguente indirizzo mauriziotani@yahoo.itQuesto indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. A presto!". (aise)

Vedere link: http://www.aise.it/italiani-nel-mondo/associazionismo/57879-parte-da-reykjavik-un-appello-per.html

 

 
Make a Free Website with Yola.